Archlinux Xfce minimale

Xfce

Partendo dal fatto che nel vostro computer sia già installato una versione base di Archlinux che comprenda anche il server grafico X.org per installare Xfce minimale basta lanciare da amministratore di sistema il comando:

pacman -S xfce4-settings xfce4-panel xfce4-mixer xfce4-session xfwm4 xfdesktop gvfs gksu

gvfs serve per far funzionare l’applet del cestino sulla barra mentre gksu è l’interfaccia grafica per entrare in modalità amministratore di sistema.

Vi consigli inoltre di installarvi un terminale

pacman -S sakura

ed altri pacchetti tra cui

pacman -S thunar-archive-plugin ffmpegthumbnailer

thunar-archive-plugin per far gestire gli archivi direttamante da thunar e ffmpegthumbnailer per le anteprime.

Linux Mint Xfce nuovo aggiornamento

xfce

Linux Mint con ambiente grafico Xfce si aggiorna alla versione 17.1, questa distribuzione è basata su Ubuntu 14.04 Trusty LTS (Long Term Support) che sarà supportata fino ad aprile 2019.
La novità più importante di questo nuovo aggiornamento è la possibilità di poter scegliere il gestore delle finestre tra Xfwm che è il gestore delle finetre predefinto di Xfce e Compiz tramite il pannello di controllo dellle impostazioni Xfce.

pannello di controllo Xfce

Come già spiegato nell’articolo Gala di Elementary OS in Xfce è possibile sostituire il gestore delle finestre con quello che preferite.

Altra novità importante è il suppoorto Blu-Ray per il programma di masterizzazione Xburn.

Il pannello delle impostazioni per la scelta della lingua è stato ridisegnato

Pannello Linguaggio

semplificato ed è stato aggiunto il supporto per le lingue orientali per tutti coloro che vogliono scrivere in cinese, giapponese, coreano, tailandese, vietnamita e tutti gli altri linguaggi che richiedono caratteri o simboli non presenti sulla tastiera.

Anche la prate del pannello delle impostazioni che gestisce la sessione d’avvio è stato ridisegnato

MDM

il gestore MDM (Mint Display Manager) adesso comprende tutti i temi HTML e GDM (GNOME Display Manager) selezionabili dalla lista dei temi.

Xfce aggiungere un sotto menu

Xfce aggiungere sub menu

Il menu di Xfce, come molti altri ambienti grafici, è personalizzabile.

È molto utile avere un sotto menu con le nostre applicazioni all’interno di una categoria principale come ad esempio: Accessori, Grafica, Internet, Multimedia…
Ho ritenuto molto comodo avere un sotto menu chiamato Server, facente parte della categoria preincipale Sistema, all’interno del quale ho inserito alcune applicazioni che avviano il server Apache ed il database MariaDB.

Partendo dal presupposto che nella vostra distribuzione sia installato il pacchetto xfdesktop che è il gestore del desktop dell’ambiente grafico Xfce ed il pacchetto xdg-utils andiamo ad iniziare!
Verifichiamo che la cartella menus esista e si trova nella cartella nascosta .config della nostra cartella utente.
Apriamo un terminale da utente normale e laciamo il comando

cd ~/.config/menus

se come risposta ricevete un messaggio d’ errore significa che la cartella non esiste quindi la dovete creare con il comando

mkdir ${XDG_CONFIG_HOME:-~/.config}/menus/

il simbolo ~ si ottieme prememndo contemporaneamente i tasti [ Alt Gr ] + [ ì ] fate attenzione il tasto Alt Gr è quello a destra mentre il tasto ì contiene anche il simbolo ^ ovviamente nella tastiera italiana.

Adesso dobbiamo copiare il file xfce-applications.menu che, nella maggior parte delle distribuzioni, si trova nella cartella /etc/xfce/xdg/menus/ o nella cartella /etc/xfce/xdg/menus/.
Per controllare dove si trova il file lanciate il comando

find $prefix/etc/x* -name xfce-applications.menu

e quindi a seconda della posizione del file utilizzeremo uno dei seguenti comandi

cp $prefix/etc/xdg/menus/xfce-applications.menu ${XDG_CONFIG_HOME:-~/.config}/menus

oppure

cp $prefix/etc/xfce/xdg/menus/xfce-applications.menu ${XDG_CONFIG_HOME:-~/.config}/menus

anteponiamo la variabile $prefix perchè in molte distribuzioni corrisponde alla cartella usr.

Finito di copiare il file nella nostra cartella ~/.config/menus/ lo andremo ad editare e modificare

nano ~/.config/menus/xfce-applications.menu

andate a cercare la voce System

    <Menu>
        <Name>System</Name>
        <Directory>xfce-system.directory</Directory>
        <Include>
            <Or>
                <Category>Emulator</Category>
                <Category>System</Category>
            </Or>
        </Include>
        <Exclude>
            <Or>
                <Filename>xfce4-session-logout.desktop</Filename>
            </Or>
        </Exclude>
    </Menu>

andiamo ad aggiungere, subito dopo il tag di chiusura </Exclude>, il seguente testo

        <Menu>
            <Name>Server</Name>
            <Directory>server-apps.directory</Directory>
            <Include>
                <Category>X-Folders</Category>
            </Include>
        </Menu>

ottenendo questo un nuovo file con il testo aggiunto evidenziato in rosso

    <Menu>
        <Name>System</Name>
        <Directory>xfce-system.directory</Directory>
        <Include>
            <Or>
                <Category>Emulator</Category>
                <Category>System</Category>
            </Or>
        </Include>
        <Exclude>
            <Or>
                <Filename>xfce4-session-logout.desktop</Filename>
            </Or>
        </Exclude>
        <Menu>
            <Name>Server</Name>
            <Directory>server-apps.directory</Directory>
            <Include>
                <Category>X-Folders</Category>
            </Include>
        </Menu>

    </Menu>

salvate il file modificato.
Come vedete c’è un riferimento ad un file chiamato server-apps.directory questo file dovrà essere creato nella cartella ~/.local/share/desktop-directories/ e deve essere strutturato nel seguente modo

[Desktop Entry]
Version=1.0
Type=Directory
Icon=network-server
Name=Server
GenericName=Server applications
Comment=Start Server applications
Name[it]=Server
GenericName[it]=Applicazioni Server
Comment[it]=Avvia le applicazioni del Server

[it] serve per la traduzione in italiano.
Noterete anche un altra scritta X-Folders nel tag Category dove la X stà ad indicare che non è una categoria standard del consorzio freedesktop.org.
X-Folders ci servirà in seguito.

Ora dobbiamo creare delle applicazioni che compariranno nella sottocartella Server per fare questo dovete creare un file nella cartella ~/.local/share/applications/ che abbia estensione .desktop magari seguendo la guida Come creare un avviatore .desktop oppure editandolo con il comando

nano ~/.local/share/applications/lamp.desktop

il file lamp.desktop è un file di esempio lo potete nominare come volete l’importante è che sia strutturato nel seguente modo

[Desktop Entry]
Version=1.0
Name=Linux Apache MySQL Php
GenericName=Apache deamon and MySQL deamon
Comment=Start deamons Apache and MySQL
Name[it]=Linux Apache MySQL Php
GenericName[it]=Demone Apache e MySQL
Comment[it]=Avvia i demoni di Apache e MySQL
Exec=gksu systemctl start httpd.service && systemctl start mysqld.service
Terminal=false
StartupNotify=true
Icon=applications-system
Type=Application
Categories=X-Folders;System;Development;

e soprattutto che come prima opzione nella voce Categories ci sia la dicitura X-Folders consentendo al menù di Xfce di visualizzare la nostra applicazione nella categoria Sistema -> Server -> Linux Apache MySQL Php

Come potete notare la nostra applicazione comparirà anche nella categoria Sistema (System) e nella categoria Sviluppo (Development) che volendo possono essere omesse.

Se effettuate queste modifiche la nostra nuova sottocartella non viene visualizzata provate a lanciare questo comando

xfdesktop --reload

serve a riavviare xfdesktop.

La nuova guida la potete trovare a questo indirizzo Xfce aggiungere sotto cartella al menu